Informativa CONI Virus Covid-19

Attività sportiva in Trentino. Alcune note di chiarimento a seguito del Dpcm

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) del 4 marzo 2020, adottato in attuazione del  decreto-legge 23 febbraio 2020, sentito il parere del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, aggiorna all’articolo 1, comma 1, lettera c, le “Misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19” in riferimento all’attività sportiva.

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure:

[…] c) sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d), “mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro”

L’articolo 1, comma 1, lettera a, indica inoltre: “E’ altresì differita a data successiva al termine di efficacia del presente decreto ogni altra attività convegnistica o congressuale”.

Sono quindi consentiti eventi e competizioni indoor purchè a porte chiuse ed all’aperto senza la presenza di pubblico. Gli allenamenti sono consentiti per i soli atleti agonisti con le medesime modalitàSocietà ed Associazioni Sportive del territorio provinciale in subordine alle direttive di Federazioni Sportive, Discipline Associate ed Enti di Promozione di appartenenza ed alle ordinanze emesse dalla Provincia autonoma di Trento e dai Comuni, acquisiscono eventuali disposizioni per regolare l’eventuale svolgimento o sospensione dell’attività sportiva.